Pubblicato il: 15 marzo 2015 alle 21:23



Una vittoria importante per allungare il distacco dalla Roma, un altro passo verso lo scudetto. “Abbiamo concesso poco, eccetto un contropiede durante il primo tempo”, ha dichiarato Allegri, allenatore della Juventus. “Nel secondo tempo, poi, la squadra ha gestito.
È una vittoria importante e un altro passo verso la vittoria del campionato.
Il gol di Morata è meraviglioso, era la prima volta che puntava l’avversario. Doveva farlo prima, secondo me. Il vantaggio in classifica? Bisogna guardare la realtà, mancano almeno 6 vittorie e qualche pareggio per avere la certezza matematica della vittoria finale. Oggi abbiamo vinto con un risultato che mi piace molto, l’1-0.
Barzagli ha giocato bene, così come posso dire la stessa cosa di De Ceglie e Sturaro.”. Il prossimo appuntamento si chiama Champions League, Borussia Dortmund. Allegri comincia a pensarci da oggi, soprattutto dando un’occhiata ai giocatori recuperabili (Pirlo su tutti) e al modulo da utilizzare contro il tedeschi: “Ci vorrà un’altra partita, avremo qualche giorno per preparare una partita molto difficile.
Ci sono tutte le prerogative per giocarci bene le nostre carte. Vedremo se recupereremo Pirlo, analizzeremo come starà Barzagli. Probabilmente giocheremo a 4 in difesa, però non è sicuro, potremmo giocare anche a 3. Sappiamo le qualità del Borussia, dovremo fare gol, almeno due. Per giocare una partita del genere, serve molto equilibrio. Dobbiamo giocarci le nostre carte nel miglior modo possibile, con un pizzico di fortuna e con l’entusiasmo che abbiamo. Sceglierò la formazione martedì sera”.
Contro il Palermo, sono stati decisivi i cambi, Morata su tutti. Ecco cosa ne pensa Allegri, ricordando anche quando, al Milan, vinse uno scudetto con l’aiuto e l’apporto delle sostituzioni in corso: “Ricordo lo scudetto che ho vinto al Milan, i cambi sono stati fondamentali per vincere. Ho i giocatori giusti per spaccare la partita in corso, da Matri a Padoin, da Morata a Pepe.
I giocatori che entrano sono decisivi”. Iachini, invece, è contento del suo Palermo, nonostante sia sicuro che, con un po’ di incisività in più, il risultato sarebbe stato diverso: “Abbiamo tenuto bene il campo, siamo stati capaci di mantenere la partita viva.
Forse potevamo creare qualcosa di più se fossimo stati più cinici. In un campionato così lungo, ci può stare che non si riesca a segnare. Senza i tanti pali presi, avremmo qualche punto in più.”. Il tecnico del Palermo, infine, non ha niente da dire sul gol di Morata, mattatore della partita: “Morata ha fatto un grande gol, è stato bravo.
Andelkovic ha coperto il destro dell’attaccante avversario, ma lo spagnolo ha sfoderato un vero e proprio colpo da biliardo”. Infine, Iachini ha commentato la prestazione della Juventus, in vista anche dell’impegno che attende i bianconeri contro il Borussia Dortmund, in Champions League: “La Juve? Dicevano non sarebbe stata concentrata, che avrebbe pensato al Borussia e invece è venuta al Barbera per vincere da subito la partita. Sono convinto possa affrontare l’impegno europeo con il giusto piglio”