Pubblicato il: 13 novembre 2017 alle 12:12



Il Gran Premio della Malesia disputatosi al Sepang International Circuit ha prodotto risultati contrastanti per i piloti della Cooperativa RadioTaxi 3570 impegnati nel Motomondiale. In Moto3 Fabio Di Giannantonio ha concluso nono assoluto sul traguardo ipotecando il quinto posto in campionato mentre Simone Corsi, atteso protagonista in Moto2, ha portato a termine la corsa in undicesima posizione, penalizzato da una carambola al via con diversi piloti coinvolti.

Qualificatosi in quarta fila, Fabio Di Giannantonio ha vissuto una gara più complicata del previsto. Parte integrante del secondo gruppo di testa in lotta dalla quinta alla dodicesima posizione, il talentuoso pilota capitolino ha superato i problemi fisici accusati nel fine settimana conquistando 7 punti preziosi al fine di consolidare il quinto posto nella generale con più soltanto la gara di Valencia da disputarsi.

Per Simone Corsi il Gran Premio della Malesia ha riservato l’undicesimo posto all’esposizione della bandiera a scacchi, suo malgrado rallentato all’avvio dal dover evitare due piloti finiti a terra in seguito ad un contatto. Il portacolori 3570, grazie ai 5 punti totalizzati, conserva l’ottava posizione in campionato, da difendere tra due settimane al Circuit de la Comunitat Valenciana Ricardo Tormo nel conclusivo appuntamento del Motomondiale 2017.

Fabio Di Giannantonio (Del Conca Gresini Moto3 – Honda NSF250RW #21 Moto3)

Giornataccia senza mezzi termini. Nel Warm Up abbiamo provato una modifica che non mi è piaciuta e siamo tornati sull’assetto delle qualifiche che era il migliore. Purtroppo però mi sono sentito male prima della gara, con un forte mal di testa. In clinica mi hanno detto che il virus intestinale di ieri mi aveva disidratato completamente. Ho provato a riprendermi per la gara, ma non ne avevo già più a metà gara. Volevo stare davanti, ma tra quello e la caduta di Antonelli che ci ha staccato dal gruppo di testa non potevo fare di più“.

Simone Corsi (Speed Up Racing – Speed Up SF7 #24 Moto2)

Son contento del risultato, dopo il Warm Up pensavo che andare a punti fosse davvero difficile. I problemi con la moto erano gli stessi del weekend, ma ho cercato di spingere più che potevo per tutta la gara. Non è stato un anno di grandi soddisfazioni come volevamo, ma voglio ringraziare davvero tutti i ragazzi del team e soprattutto Luca Boscoscuro che ha creduto in me in queste due stagioni!“.

3570 e l’impegno nel motociclismo

Da sempre in prima linea nell’attenzione rivolta verso le nuove generazioni, la Cooperativa RadioTaxi 3570 ha individuato nel motociclismo il palcoscenico congeniale per veicolare un messaggio positivo basato sulla qualità del servizio, la trasparenza e l’adozione di strumenti tecnologici all’avanguardia. 3570 supporta per tutta la stagione 2017 del Motomondiale due piloti della Capitale, Fabio Di Giannantonio (Moto3) e Simone Corsi (Moto2), parallelamente alla continuità del sodalizio di successo con la Federazione Motociclistica Italiana a sostegno del progetto “3570 Talenti Azzurri FMI” incentrato alla ricerca e alla crescita di giovani piloti italiani impegnati nella velocità nazionale. La Cooperativa RadioTaxi più grande d’Europa è inoltre title sponsor del Team 3570 #madeinCIV (FIM Supersport 300 World Championship), Team 3570 MTA (ELF CIV Moto3), per un impegno che si estende al ruolo di Sponsor Ufficiale dell’ELF CIV – Campionato Italiano Velocità del quale la Cooperativa RadioTaxi 3570 titolerà il round conclusivo di Vallelunga.

La Cooperativa RadioTaxi 3570

Con 3.700 vetture nella Capitale, La Cooperativa RadioTaxi 3570 è la più grande d’Europa e la maggiore organizzazione d’Italia del settore, disponendo di una rete di città senza eguali nel panorama nazionale. Oggi, sotto la spinta di un costante progresso tecnologico, non abbiamo solo una macchina del presente ma un ‘Taxi del futuro’ supportato da numeri strabilianti: oltre 10.000.000 i servizi taxi forniti in un anno, 1.300 le convenzioni con aziende medie e grandi e con professionisti, grazie ad un servizio puntuale e vincente garantito da 700 modem per le chiamate e 150 linee telefoniche di ricezione nella centrale operativa. In questo lungo percorso fatto per arrivare fino al traguardo di oggi, il fulcro dell’attenzione della cooperativa è stato, oltre alla funzionalità del servizio, sempre e solo il cliente.

Com. Stam.