Pubblicato il: 19 luglio 2015 alle 09:51



Il vento è stato il protagonista nella terza giornata dell’Open Championship, il major che si sta disputando sul percorso dell’Old Course (par 72) di St. Andrews, a Fife in Scozia. Infatti si è potuto giocare solamente per 32 minuti al mattino e poi con una ripresa alle ore 18 locali (le 19 italiane) è stato possibile far concludere il secondo turno ai 42 giocatori che erano stati fermati la sera precedente dall’oscurità. A causa del pesante ritardo si è e stabilito che il torneo si protrarrà fino a lunedì 20 luglio. Una decisione di tale genere era stata presa solamente nel 1988, quando si giocò al Royal Lytham dove vinse il compianto spagnolo Severiano Ballesteros.

Dustin Johnson ha mantenuto il comando con 134 colpi (65 69, -10) aggiungendo, nelle cinque buche che doveva completare, un birdie e un bogey ai quattro birdie e al bogey che aveva segnato prima dello stop, per il parziale di 69 (-3) con cui ha conservato un colpo di margine sull’inglese Danny Willett (135 – 66 69, -9), già in club house da ieri, e due sullo scozzese Paul Lawrie (136, -8)

Era già tranquillo di rimanere in gara Francesco Molinari, 50° con 143 (72 71, -1), e già sapeva di essere fuori Edoardo Molinari, 127° con 149 (74 75, +5), mentre doveva giocarsi tutto in cinque buche Matteo Manassero, che al momento dell’interruzione era in par e quindi tra gli ammessi ai due turni finali. Alla ripresa di buon mattino, con il forte vento, ha trovato subito un bogey, poi dopo essere rimasto tutto il giorno in club house come gli altri, è rientrato in campo con la necessità di dover forzare per cercare il birdie ad evitare l’eliminazione, ma è stato un altro bogey e con il secondo 73 (+1, due birdie e tre bogey) e il 93° posto con 146 (+2) ha dovuto lasciare. E’ uscito anche Tiger Woods, 147° con 151 (76 75, +7), ma l’esito era praticamente scontato dopo il 76 (+4) di partenza.

Sono in quarta posizione con 137 (-7) Zach Johnson, Robert Streb, gli australiani Adam Scott e Jason Day, lo scozzese Marc Warren e il sudafricano Louis Oosthuizen, in decima con 138 (-6) l’inglese Luke Donald e in 14ª con 139 (-5) Jordan Spieth, che nelle tre frazioni in cui ha portato a compimento il turno non è riuscito ad elevarsi dal 72 del par (quattro birdie, quattro bogey).

Il numero due mondiale, in caso di successo, salirebbe in vetta al world ranking ed emulerebbe Ben Hogan che nel 1953 vinse i primi tre major stagionali, unico a riuscirci nella storia, e si metterebbe anche in condizioni di fare “grande slam” nella stessa annata nell’ultimo major, il PGA Championship (13-16 agosto), e in questo caso eguaglierebbe Bobby Jones (1930). Affiancano Spieth, l’inglese Justin Rose, lo spagnolo Sergio Garcia e il sudafricano Charl Schwartzel.

Al 25° posto con 141 (-3) il tedesco Martin Kaymer, il sudafricano Branden Grace, l’inglese Paul Casey e l’irlandese Padraig Harrington, al 38° con 142 (-2) Phil Mickelson, e al 50°, insieme a Francesco Molinari, anche Rickie Fowler, il thailandese Thongchai Jaidee e lo svedese Henrik Stenson. Hanno evitato il taglio con l’ultimo punteggio utile, 61.i con 144 (par), Matt Kuchar, Jim Furyk, il nordirlandese Graeme McDowell e il sudafricano Ernie Els. Non ci sono riusciti, tra gli altri, Keegan Bradley, Bubba Watson e l’inglese Ian Poulter, 105.i con 147 (+3), e lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, 119° con 148 (+4).

Francesco Molinari ha effettuato il secondo giro in 71 (-1) colpi guadagnando un colpo sul par con due birdie e un bogey sulle prime cinque buche, poi lo ha mantenuto con due birdie e due bogey. Edoardo Molinari ha compromesso le sue possibilità di recupero con tre bogey di fila a iniziare dalla seconda buca e successivamente ha marciato in par con due birdie e due bogey per il 75 (+3). ll montepremi è di 6.300.000 sterline.

Il torneo su Sky – Il 144° Open Championship viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky con collegamenti sul canale Sky Sport 2 HD. Il terzo giro andrà in onda domani, domenica 19 luglio, dalle ore 12 alle ore 19,45, e il quarto lunedì 20 con orario da definire. Commento di Silvio Grappasonni, Nicola Pomponi, Massimo Scarpa e di Roberto Zappa. Le dirette sono seguite da Studio Golf, della durata di trenta minuti, condotto da Francesca Piantanida.

NOTA PER LE REDAZIONI: alcuni giocatori sono ancora in campo, ma alla conclusione del turno non apporteranno variazioni significative alla classifica. Aggiornamento al termine sul sito FIG: www.federgolf.it
Com. Stam.