Pubblicato il: 19 luglio 2015 alle 10:02



Un altro risultato storico per le azzurrine del CT Salvoldi dopo il record del mondo nell’inseguimento a squadre – Il medagliere sale a quota quattro (3 ori, 1 argento)
Atene (GRE) (18/7)– Spendida medaglia d’argento per Elena Bissolati e Miriam Vece nella finale europea della velocità olimpica donne juniores. È il miglior risultato di sempre ottenuto nella specialità dall’Italia. Le tedesche Emma Hinze e Pauline Grabosch hanno confermato il pronostico aggiudicandosi la medaglia d’oro con il tempo di 34”786. Per la Hinze è il terzo titolo di questi campionati, dopo la velocità individuale e i 500 metri, ambedue vinti davanti alla stessa Grabosch. Dunque una coppia di grosso spessore, affiatatissima e super specializzata, che si dedica esclusivamente alla pista senza neppure conoscere una bicicletta da strada. Le azzurrine si sono battute con coraggio, consapevoli di aver portato per la prima volta l’Italia nella finale oro-argento della specialità nel campionato europeo.
Miriam Vece, già ottima quarta posto nei 500 metri in questa rassegna continentale, originaria di Romanengo (Cremona), in pista da 3 anni, esprime la sua emozione: “Abbiamo lavorato duramente per ottenere questo risultato. Ci siamo andate vicine lo scorso anno (Italia 4^) e ci siamo riuscite qui ad Atene. Una bellissima emozione disputare la finale. Se penso che solo il 28 giugno sono caduta in gara e pensavo di non riuscire a recuperare…la soddisfazione è maggiore!”.
Gioisce anche l’altra cremonese di San Giovanni in Croce Elena Bissolati, che solo ieri ha bissato il successo del 2014 nello scratch ed oggi sale sul podio in una disciplina olimpica: “Ci siamo migliorate giorno dopo giorno – dice l’azzurrina – anche il feeling che c’è sempre stato con Miriam si è consolidato e ha contribuito alla conquista di questa medaglia. Un ringraziamento al nostro CT Salvoldi che ci ha dato la possibilità di migliorarci sempre di più”.
Soddisfatto il CT Salvoldi, che guarda avanti: “Ben fatto – dice il CT -. Ora abbiamo circa un mese di tempo per preparare i mondiali su pista di categoria. Con questo risultato abbiamo avuto la conferma di essere competitivi ed abbiamo anche visto ciò che ci manca per esserlo a livello mondiale. Lavoreremo per migliorarci”.
LE ALTRE GARE DELLA GIORNATA
Si è concluso per gli uomini under 23 e juniores l’Omnium, la maratona della pista, disciplina olimpica che accorpa sei specialità.
Buon sesto posto dell’azzurro U23, Simone Consonni. Dopo aver vinto alla grande lo scratch d’apertura, ha ottenuto il nono posto nell’inseguimento individuale, il settimo nell’eliminazione, il 10° nel Km da fermo, il sesto nel giro lanciato, concludendo al sesto posto ddella classifica al termine della corsa a punti. Ha vinto l’oro lo svizzzero Thery Schir (195 punti), argento al britannico Oliver Wood, argento (189 punti) e soltanto il bronzo per il francese Thomas Boudat (184 punti), che guidava nettamente la classifica dopo tre prove.
Nell’omnium juniores, l’azzurro Fabrizio Moro ha concluso all’11^ posto (132 punti). L’azzurro ha ottenuto il quarto posto nel giro lanciato e il quinto nel Km da fermo con un notevole 1’04″804. Il titolo continentale va al polacco Dawid Czubak (238 punti), argento all’ucraino Taras Shevchuk (226 punti), bronzo al russo Sergey Rostovtsev (215 punti) .
Le donne under 23 e juniores oggi hanno effettuato le prime tre prove dell’Omnium: scratch, inseguimento individuale ed eliminazione. L’azzurra junior Martina Alzini è terza nella classifica guidata dalla polacca Daria Pikulik, seguita dalla britannica Grace Garner. In quarta posizione la francese Marion Borras. Per l’altra azzurra U23, Francesca Pattaro, un 11° posto nella classifica provvisoria (66 punti) capitanata dalla danese Amelie Dideriksen (116 punti) seguita con 112 punti dalla russa Tamara Balabolina e dalla bielorrussa Ina Savenka (106).
Domani le tre prove conclusive: Time Trial, giro lanciato e corsa a punti.
VELOCITÀ A SQUADRE DONNE JUNIORES
FINALE 1-2: 1. Germania (Emma Hinze-Pauline Grabosch) 34”786; 2. Italia (Elena Bissolati-Miriam Vece) 35”322
FINALE 3-4: 3. Russia 35”096; 4. Polonia 35”325
OMNIUM UOMINI UNDER 23
4^ prova (Km da fermo): 1 Oliveira Ivo (Por) 1:03.590; 2. Wood Oliver (Gbr) 1:03.734; 3. Beyer Maximilian (Ger) 1:04.210; 4. De Buyst Jasper (Bel) 1:04.237; 5. Tsishkou Raman (Blr) 1:04.362; 6. Hartvig Daniel Henning (Dan) 1:04.413; 7. Kreminskyi Vladyslav (Ukr) 1:04.587; 8. Boudat Thomas (Fra) 1:04.787; 9. Sazanov Andrey (Rus) 1:05.098;10. Consonni Simone (Ita) 1:05.188
5^ prova (giro lanciato) Wood Oliver (Gbr) 13.198; 2. Sazanov Andrey (Rus) 13.357: 3. De Buyst Jasper (Bel) 13.371; 4. Oliveira Ivo (Por) 13.404; 5. Beyer Maximilian (Ger) 13.430; 6. Consonni Simone (Ita) 13.463; 7. Boudat Thomas (Fra) 13.517; 8. Tsishkou Raman (Blr) 13.538; 9. Kreminskyi Vladyslav (Blr) 13.546; 10. Schir Thery (Svi) 13.589
6^ prova (corsa a punti) e CLASSIFICA FINALE: 1. Schir Thery (Svi) p. 195; 2. Wood Oliver (Gbr) p. 189; 3. Boudat Thomas (Fra) p. 184; 4. Beyer Maximilian (Ger) p. 183; 5. De Buyst Jasper (Bel) p. 176; 6. Consonni Simone (Ita) p. 167; 7. Tsishkou Raman (Blr) p. 163; 8. Oliveira Ivo (Por) p. 160; 9. Sazanov Andrey (Rus) p. 156; 10. Kreminskyi Vladyslav (Ukr) p. 137
OMNIUM UOMINI JUNIORES
4^ prova (Km da fermo): 1. Madsen Frederik Rodenberg (Dan) 1:03.427; 2. Czubak Dawid (Pol) 1:03.741; 3. Denis Thomas (Fra) 1:03.889 4. Rostovtsev Sergey (Rus) 1:04.293; 5. Moro Stefano (Ita) 1:04.804; 6. Muller Reto (Svi) 1:04.858; 7. Holt Joe (Gbr) 1:04.889; 8. Ottevanger Bas (Ola) 1:05.777; 9. Ghys Robbe (Bel) 1:06.193; 10. Dushyn Ihar (Blr) 1.06.903.
5^ prova (giro lanciato): 1. Madsen Frederik Rodenberg (Dan)13.230; 2. Rostovtsev Sergey (Rus) 13.305; 3. Madsen Frederik Rodenberg 13.315; 4. Moro Stefano (Ita) 13.329; 5. Holt Joe (Gbr) 13.501; 6. Muller Reto (Svi) 13.684; 7. Czubak Dawid (Pol) 13.774; 8. Ghys Robbe (Bel) 13.823; 9. Dushyn Ihar (Blr) 13.903; 10. Ottevanger Bas (Ola) 14.130.
6^ prova (corsa a punti) CLASSIFICA FINALE: 1 Czubak Dawid (Pol) 238; 2. Shevchuk Taras (Ukr) 226; 3. Rostovtsev Sergey (Rus) 215; 4. Ghys Robbe (Bel) 214; 5. Madsen Frederik Rodenberg (Dan) 204; 6. Madsen Frederik Rodenberg 199; 7. Muller Reto (Svi) 180; 8. Ottevanger Bas (Ola) 166; 9. Holt Joe (Gbr) 163; 10. Stenson Adam (Irl) 144; 11. Moro Stefano (Ita) 132.
Com. Stam.
Foto Bissolati e Vece sul podio (credito: Archivio FCI)