Pubblicato il: 27 febbraio 2015 alle 01:37



Dopo il match d’andata contro il Borussia la Juventus si trova in una leggera posizione di vantaggio rispetto ai tedeschi, forte di un 2-1 che nonostante lasci ancora in bilico la qualificazione fa ben sperare per il ritorno in programma il 18 marzo. Per analizzare a 360 gradi, in ogni minimo dettaglio, la prestazione di Tevez e company e soprattutto capire le reali possibilità di passaggio del turno della Signora, abbiamo raggiunto in esclusiva Moreno Torricelli, uno dei protagonisti della finale di Coppa Uefa ’92-’93 vinta dalla squadra di Trapattoni proprio contro i gialloneri, nonché uno dei baluardi difensivi del team di Lippi, salito sul tetto d’Europa e del mondo.

Dopo il primo round dello Stadium, la Juve si appresta a giocare il ritorno a Dortmund in posizione di leggero vantaggio. Cosa servirà per centrare la qualificazione?

“Bisognerà fare molta attenzione perché lì in Germania non sarà per nulla un ambiente facile. Anzi sarà un ambiente bello caldo. Quindi ci vorrà massima concentrazione da parte di tutti. Questo tipo di partite a deciderle sono i minimi dettagli, basta un solo errore e sei fuori dalla competizione”.

Che partita è stata quella di Torino, pensa che i bianconeri ne escano rafforzati?

“Sì, assolutamente. La Juve ha dimostrato di essere superiore al Borussia, è stata una prestazione convincente. Peccato soltanto per le occasioni create nella ripresa e non sfruttate, il punteggio poteva essere più largo. Sono fiducioso comunque per il passaggio del turno”.

Tra le fila juventine sottotono sono apparsi Vidal e Pogba. Come si spiega questo calo di rendimento da parte loro?

“Da giocatori come loro ci si aspetta sempre la giocata importante, decisiva. Può capitare che ogni tanto non si renda al meglio, però sono sicuro che già nel match di ritorno disputeranno una gran partita. Il loro apporto è fondamentale per questa squadra”.

Il team di Klopp ha tanta qualità dal centrocampo in avanti, dietro invece ha mostrato qualche lacuna di troppo.

“Nella fase difensiva sono andati spesso in evidente difficoltà. E’ un po’ il loro punto debole. In fase offensiva sono temibili e possono creare più di un pericolo, ma dietro quando vengono attaccati soffrono molto. Credo che la Juve possa tranquillamente andare a segnare a Dortmund”.

Prima della trasferta in Germania ci sarà la sfida in campionato contro la Roma. Momento pronostico, come usciranno gli uomini di Allegri da questi due importanti match?

“A Roma si può già chiudere definitivamente il campionato con una vittoria, ma anche se dovesse finire in parità la Juve metterebbe una serie ipoteca sullo scudetto. In Champions sono convinto che passerà il turno, ho buone sensazioni”.