Pubblicato il: 11 ottobre 2017 alle 17:31



Accolto il reclamo del Liventina che si aggiudica la vittoria a tavolino per 3-0 contro il Delta Rovigo, nel match dello scorso 24 settembre. Una gara a porte chiuse per il Taranto e due giornate di squalifica per mister Infantino dell’Acireale

Roma, 11 ottobre 2017 – In merito all’ultimo turno di campionato dello scorso fine settimana, ed ai reclami di Savona e Liventina, il Giudice Sportivo ha emesso i seguenti provvedimenti:

A carico Società

Il reclamo della Società Savona, per quanto riguarda la gara contro la Massese del 17/9/2017, è stato giudicato inammissibile. Si conferma quindi il risultato di 1-1 conseguito sul campo e si addebita al Savona la tassa di reclamo. Si accoglie invece il reclamo della Società Liventina in merito alla posizione del giocatore del Delta Rovigo Riccardo Fissore nel match disputato lo scorso 24/9/2017. Si infligge così alla società rodigina la sconfitta per 0-3 a tavolino. Squalifica del campo di giuoco per una gara effettiva, con effetto immediato, ai danni del Taranto FC.

Ammende – Frattese e Turris, euro 2000 e diffida; Gravina euro 1.800; Potenza e San Teodoro euro 1000; Alto Tavoliere San Severo euro 700; Mezzolara euro 600; campobasso euro 500; Ercolanese, Nerostellati 1910 e Ponsacco euro 300.

A carico allenatori

Squalifica – 2 giornate: Pietro Infantino (Acireale)

A carico calciatori

Squalifica – 3 giornate: Gabriele Vavassori (Arconatese), Mouad Edalili (Borgaro Nobis), Giuliano Caputo (Olginatese), Giovanni Catanese (Pianese), Cosimo Pagano (Roccella); 2 giornate: Salvatore Roghi (Frattese), Vincenzo Ferraioli (Gravina), Luigi Busce (L’Aquila), Eugenio Togni (Mezzolara), Tulio Bagatini (San Teodoro), Damiano Rinaldini (San Donato Tavarnelle), Marco Cabeccia (Lattedolce Sassari), Alessandro Minasola (Vigor Carpaneto).

Per conoscere tutti i provvedimenti disciplinari si prega consultare il Comunicato Ufficiale N°36 del giorno 11 ottobre 2017 in allegato

Com. Stam.