Pubblicato il: 12 ottobre 2017 alle 21:48



Davanti a ben 10.000 spettatori il torinese è al comando con altri cinque giocatori.  In alta classifica Sergio Garcia, Alex Noren e Jon Rahm. Tra gli azzurri in evidenza anche Andrea Pavan e il dilettante Stefano Mazzoli

Monza, 12 ottobre 2017 – Grande partenza di Francesco Molinari, leader con 64 (-7) colpi insieme ad altri cinque concorrenti, nel 74° Open d’Italia  la più importante manifestazione nazionale di golf, punta di diamante del Progetto Ryder Cup 2022. Il torneo, inserito tra gli otto di assoluto livello mondiale delle Rolex Series dell’European Tour, è il primo di una lunga serie fino al 2027 con un montepremi di 7.000.000 di dollari. Al vincitore andranno 1.166.660 dollari.

Sul percorso del Golf Club Milano (par 71) Molinari, che difende il titolo, è affiancato dal thailandese Kiradech Aphibarnrat, dallo svedese Alexander Bjork, dal gallese Jamie Donaldson e dagli inglesi Eddie Pepperell e Matt Wallace e il sestetto ha un colpo di margine sul sudafricano Georgee Coetzee e sul coreano Byeong Hun An.

In una giornata in cui hanno concesso poco spazio ai primi Sergio Garcia, numero 11 mondiale, Alex Noren, numero 15, noni con 66 (-5), e Jon Rahm, numero cinque, 17° con 67 (-4), sono stati tra i protagonisti, oltre a Molinari, anche altri giocatori italiani. Andrea Pavan, infatti, è alla pari con Garcia e Noren, e il brillante amateur Stefano Mazzoli ha tenuto il passo di Rahm. Sono poco dietro Renato Paratore, Edoardo Molinari e Nino Bertasio, 31.i con 68 (-3) come l’inglese Matthew Fitzpatrick a sintetizzare una giornata che ha dato belle prospettive ai colori azzurri.

Tra gli altri giocatori più attesi sono al 49° posto con 69 (-2) gli inglesi Lee Westwood, Luke Donald e il nordirlandese Graeme McDowell e hanno tenuto lo stesso passo Enrico Di Nitto e il dilettante Lorenzo Scalise, anch’egli in bella evidenza. Degli altri azzurri dovranno effettuare un secondo giro ad alti ritmi Matteo Manassero, Federico Maccario e Luca Cianchetti, 93.i con 71 (par), così come l’inglese Tommy Fleetwood, leader della Race To Dubai, ossia l’ordine di merito del circuito. Più defilati Alessandro Tadini, 119.i con 73 (+2), e Nicolò Ravano, 132° con 77 (+6).

Un successo di pubblico – Sono stati complessivamente 10.000 gli spettatori che hanno seguito il 74° Italian Open nella prima giornata di gara. Un successo che premia la scelta della Federazione Italiana Golf, in accordo con l’Official Advisor Infront, di confermare l’ingresso gratuito per rafforzare il messaggio di uno sport aperto a tutti.

Le interviste – “Non potevo immaginare un avvio migliore” ha spiegato Francesco Molinari al termine del giro condotto con nove birdie e due bogey. “Non è facile partire così, però il bel putt alla buca iniziale (la 10) e il birdie alla successiva mi hanno subito sciolto. Ho giocato bene, anche se qualche tee shot con la pallina errante nei boschi c’è stato. Però c’è tempo per migliorare questa parte del gioco. Un momento particolare? Mi ha dato molta soddisfazione e carica l’approccio imbucato alla buca 18 per il birdie, forse nel punto migliore, sotto il Villaggio Ospitalità e con tanti spettatori che stavano seguendo”.

Ha detto Renato Paratore: “Sono andato molto bene sulle prime sei buche, poi un doppio bogey mi ha un po’ frenato. Nella seconda parte del tracciato mi sono espresso ad ottimo livello e sono riuscito a concludere scendendo di tre colpi sotto il par. In linea generale sono molto soddisfatto del gioco, ho eseguito dei grandi tiri da tee a green e sono riuscito a imbucare dei buoni putt. Finire con il birdie mi ha dato molta fiducia. Domani? Voglio ripetermi, ma cercando di avere un maggior feeling con il putter”.

Molto soddisfatto Stefano Mazzoli: “E’ stato un bel giro. Ho avuto ottime sensazioni. Mi sono ben preparato in inverno, ho avuto un buon avvio di stagione, ho giocato parecchio e questo risultato nasce da lontano. Sono molto contento. Ho eseguito qualche brutto colpo, che però ho compensarlo rapidamente, sono rimasto sempre molto concentrato. Sono sceso di due colpi sotto par nelle due metà del campo, a testimonianza di una prestazione abbastanza regolare. Forse i due momenti topici sono stati i due up and down alle buche 8 e 12 che mi hanno tenuto in carreggiata. Però che emozione giocare con José Maria Olazabal”.

Formula di gara – Il torneo si disputa sulla distanza di 72 buche, 18 al giorno. Dopo i primi due round il taglio lascerà in gara i primi 65 classificati, i pari merito al 65° posto e gli amateur che rientreranno nel punteggio di qualifica.

Le partenze – Nella seconda giornata prima partenza alle ore 7,50, ultima alle ore 13,55 con conclusione prevista attorno alle ore 19. Saranno sul tee della buca 1: alle ore 12,55 Renato Paratore, Luke Donald, Ross Fisher; alle ore13,05 Matteo Manassero, Tyrrell Hatton, Bernd Wiesberger; alle ore 13,15 Francesco Molinari, Danny Willett, Alex Noren. Sul tee della buca 10: alle ore 8,50 Sergio Garcia, Jon Rahm, Tommy Fleetwood e alle ore 9 Nino Bertasio, Paul Dunne, Hideto Tanihara.

I Partner – Il 74° Open d’Italia, che ha il patrocinio del CONI, grazie alla collaborazione di Infront Sport & Media, Official Advisor della FIG, ha l’apporto di un pool di qualificati partner: Regione Lombardia, European Tour/Race to Dubai, BMW, Rolex. Official Sponsor: Emirates, Lyoness, Banca Fideuram. Title Sponsor: Pro Am Rolex. Media Partner: Gazzetta dello Sport, Sky Sport, RDS. Sponsor istituzionali: Istituto per il Credito Sportivo. Official Supplier: Acqua Panna, S. Pellegrino, Villa Antinori, Deloitte, Giardini Valle dei Fiori, Gielle Antincendio, Kappa, Lease Plan, Maui Jim, Nespresso Sharp, Sky Gas & Power, Technogym, Titleist. Charity Partner: Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro.

Spettacolo a colpi di palleggi volanti e trick shot allo Special Event – “Maui Jim con Miguel Angel Jimènez e Renato Paratore”. Mezz’ora coinvolgente per il pubblico che ha potuto ammirare le abilità dello spagnolo e del giovane italiano che eseguivano dei giochi con bastoni e palline sotto lo sguardo attento di Romain Bechu. Artista professionista di trick shot, il francese ha divertito e sorpreso gli spettatori con colpi volanti e utilizzando il driver come un putter colpendo la pallina con l’impugnatura.

Domani nuovo Special Event  con Questions & Answers con Andrew “Beef” Johnston e Graeme McDowell (ore 14,30).

Nell’area “Prova il Golf” continueranno le lezioni gratuite per tutti con i professionisti della PGA Italiana. Nello spazio “Family Open” i bambini possono avvicinarsi al mondo del golf grazie al personale Educamp del CONI, all’attrezzatura specifica fornita da US Kids e alle attività propedeutiche al golf proposte dai maestri.

Nell’area “GolfSuperAbili” le persone con disabilità possono scoprire la magia del golf con lo staff del Settore Paralimpico della FIG e tecnici di golf qualificati, coadiuvati dal personale e dai volontari dell’AIAS Città di Monza. Alla chiusura del secondo giro il Golf Club Milano si animerà con la musica del DJ set di RDS.

La Ryder Cup in esposizione al GC Milano – Un’occasione imperdibile per tutti: la possibilità di ammirare il trofeo originale della Ryder Cup, giunto appositamente dagli Stati Uniti e che è esposto in uno stand dedicato all’interno del Villaggio Commerciale. Sarà possibile scattare foto e selfie e incontrare grandi personaggi del mondo del golf.

Per celebrare la presenza della Coppa, domani i ragazzi della nazionale azzurra si riuniranno nello stand alla presenza di Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup e Direttore Tecnico delle squadre nazionali FIG.

Il torneo su Sky – Il 74° Open d’Italia viene teletrasmesso in diretta esclusiva da Sky. Collegamenti: venerdì 13, dalle ore 10 alle ore 18 (Sky Sport 3 HD); sabato 14: dalle ore 13,30 alle ore 17,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 15, dalle ore 12,30 alle ore 17,30 (Sky Sport 2 HD).

Com. Stam.