Pubblicato il: 9 gennaio 2018 alle 08:20



Un unico sito museale per valorizzare ancor di più in Sicilia i beni ritrovati in Sicilia.

Sono 23 i beni inamovibili di cui già 7 sono a Palermo. Se volessimo potenziare ancor di più l’offerta culturale durante il periodo di Capitale della Cultura 2018, “basterebbe” esporre la Venere di Morgantina (Aidone), il Satiro danzante (Mazara del Vallo), la testa di Ade unitamente ad uno dei bellissimi Caravaggio. Una proposta che deve  coinvolgere i Comuni, la Regione ma ancor di più Università e Settori produttivi che hanno interesse ad investire a Palermo ed in Sicilia. Un progetto che deve anche individuare le modalità per compensare  i piccoli comuni che presteranno i loro gioielli.

Non è quindi necessario trasferire fuori dai confini regionali le nostre opere per essere valorizzate, bisogna soltanto saper sfruttare le opportunità che si presentano; ed una di queste è Palermo Capitale della Cultura 2018.

Antonino Sala Consigliere comunale Gruppo Palermo2022

Com. Stam.