Pubblicato il: 30 dicembre 2016 alle 06:14



Punizione choc, genitori lasciano il figlio di sei anni 15 ore sul balcone, è in fin di vita. Il piccolo era vestito solo con un pigiama: la notizia fa il giro del mondo

 

Un bambino di sei anni, lasciato all’aperto per 15 ore sul balcone di casa, nonostante le temperature gelide, vestito solamente con un pigiama, è in condizioni «molto critiche». Il fatto è accaduto a Bruxelles lunedì notte alle 20, quando i servizi di emergenza hanno ricevuto una chiamata per un bambino che aveva perso coscienza su un balcone. Il piccolo era privo di sensi, in stato evidente d’ipotermia e di malnutrizione. I medici che hanno evitato la tragedia per un soffio, hanno puntato il dito contro la madre e il patrigno che lo hanno messo fuori casa per punizione ritenendo la loro condotta irresponsabile. Il piccolo si era reso ‘colpevole’ di essersi servito da solo del cibo in cucina. Anche la sua gemellina è stata trovata fortemente denutrita, ed entrambi recano sul corpo i segni di maltrattamenti precedenti. La madre 31enne, cittadina francese, e il patrigno 21enne di origine belga sono stati arrestati con l’accusa di torture sui minori. La donna nega ogni responsabilità, mentre l’uomo spiega di non essersi reso conto che le conseguenze della punizione potessero essere tanto gravi. Il piccolo non è stato soccorso prima che fossero passate 15 ore in quanto il balcone dell’abitazione, che si trova in una zona popolare della capitale, non è visibile dalla strada. Una vicenda che ha dell’incredibile commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” e che ci riporta a storie di altri tempi, quelli di certe fiabe oscure quando ai bambini “cattivi” venivano inflitte punizioni esemplari e severissime, a tratti crudeli.

Lecce, 29 dicembre 2016     Giovanni D’AGATA

Com. Stam./Foto sito