Pubblicato il: 4 aprile 2017 alle 10:04



“A Caltagirone ennesimo caso di femminicidio ed altra vita spezzata in maniera brutale. Non si può restare inerti di fronte a questo sterminio, occorre agire subito.

Molte donne vittime di violenza, purtroppo, non denunciano i loro aguzzini per paura o perchè non sanno dove andare.

Si puo pensare ad applicare anche in Italia il metodo Scotland, un pacchetto di misure adottato prima in Inghilterra, poi in Spagna ed in altri Stati europei, che ha portato ad una drastica riduzione dei femminicidi in questi Paesi e che incentivano le donne a denunciare, quali ad esempio:

– allontanamento immediato della vittima di violenza dal coniuge-convivente con l’attribuzione di un alloggio pubblico e l’affiancamento di un tutor che ne segua il percorso di reinserimento per un periodo di tempo determinato,

– assistenza legale gratuita,

– assegnazione di un posto di lavoro che  assicuri alla vittima l’indipendenza economica,

– istituzione di tribunali specializzati in violenze domestiche.

Si pensi anche a pene estreme a chi commette violenza sulle donne, comminando l’ ergastolo e il 41 bis, ovvero il carcere duro previsto per i reati di Mafia, agli autori di femminicidio” questo l’appello del Presidente de #LalternativaGiovane, Giuseppe Milano.

Com. Stam.