Pubblicato il: 12 agosto 2017 alle 17:55



Palermo – “Sulle prossime elezioni regionali Gianfranco Miccichè non si trinceri dietro un mandato del gruppo parlamentare per le sue azioni, che allo stato sembrano ondivaghe e cervellotiche. Il gruppo di Forza Italia non ha dato un mandato a lunga scadenza tanto da giustificare l’assenza di confronto di questi mesi. Sulla scelta del candidato presidente della regione serve maggiore condiviso e Miccichè in questo periodo sembra più un misantropo che colui che media o incontra i parlamentari e la base. Tenere i telefoni spenti a ferragosto, per Miccichè non è ammissibile. Non possiamo più perdere tempo anche perché le elezioni sono alle porte. Quindi lo sconsiglierei di starsene chiuso magari in qualche salotto. Quanto ad Alfano e Castiglione penso che dire  di avere un candidato da sottoporre sia al centrodestra che al centrosinistra sia il pessimo modo per avviare un confronto. Tanto più che la gente davvero non vuole sentire di trovarsi Alfano in coalizione. Oggi serve una politica che rompa con gli schemi del passato e con i suoi protagonisti, ma che metta al centro i giovani che fuggono dalla Sicilia, le imprese, le famiglie, i disoccupati e i licenziati”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana.

Com. Stam.