Pubblicato il: 12 agosto 2017 alle 12:08



L’intensificazione dei controlli dei Carabinieri nel periodo estivo, in particolare ad Agosto, comprende anche i servizi sviluppati dai Reparti Specializzati dell’Arma a tutela della sicurezza e della salute dei cittadini italiani e stranieri. Le iniziative sviluppate in autonomia e a supporto dei Comandi territoriali da parte dei Reparti Specializzati, previa intesa con i Ministri della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali e dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, sono finalizzati a prevenire possibili criticità igienico-sanitarie, rilevare carenze sulla genuinità degli alimenti e delle bevande, contrastare le frodi commerciali, verificare l’osservanza delle norme a tutela dei lavoratori.

Particolare attenzione viene dedicata alla tutela dei siti archeologici e paesaggistici, anche con il supporto dei Nuclei elicotteri.

I servizi in corso, a tutela della salute, fanno emergere irregolarità diffuse e casi di:

–           cattivo stato di conservazione di prodotti ittici, sovente privi di tracciabilità presso mercati stagionali e strutture commerciali in genere;

–           derrate alimentari depositate in ambienti invasi da parassiti e roditori;

–           alimenti freschi e congelati, in cattivo stato di conservazione e/o contaminati;

–           diversificato impiego di lavoratori in nero presso strutture commerciali e privati;

–           carenze in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e mancata formazione antinfortunistica;

–           merci contraffatte.

Sul fronte del “lavoro nero”, in particolare, i Carabinieri della Tutela del Lavoro, di concerto con l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, inseriti nel dispositivo di controllo congiunto, hanno già rilevato l’irregolare attività di oltre 1.500 persone, tra cui molti extracomunitari, anche clandestini, alcuni dei quali già destinatari di provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale.

Controlli congiunti dei Nuclei Ispettorato del Lavoro e dei NAS proseguiranno a tutela dei frequentatori della movida notturna, presso pub, discopub, discoteche e night club, strutture turistiche in genere, anche al fine di assicurare l’osservanza delle ordinanze anti-alcol e scoraggiare il fenomeno del “binge-drinking”.

La necessaria attenzione è rivolta alle strutture sanitarie, case di cura e di riposo, con l’obiettivo di scongiurare fenomeni di“assenteismo” del personale ivi preposto e garantire adeguate forme di assistenza ai degenti ed agli anziani.

Significativo, inoltre, il supporto assicurato dai NAS e NIL ai Carabinieri Forestali nell’ambito delle verifiche, per salvaguardare il “benessere animale” presso allevamenti e canili (sono già state segnalate all’Autorità Giudiziaria persone che avevano sottoposto arbitrariamente ad interventi di conchectomia bilaterale e caudotomia per fini estetici cani di razza “pit bull”, “terrier” e “american staffordshire”), ed ai Reparti Territoriali per contrastare i fenomeni correlati all’immigrazione clandestina, all’ambulantato abusivo, alle attività dei massaggiatori non professionali, (casi scoperti hanno evidenziato alcuni centri massaggi condotti da persone prive dei titoli abilitativi), dei tatuatori e degli operatori occasionali di“body piercing” da spiaggia.

I Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale sono impegnati in ispezioni presso antiquari, gallerie d’arte, case d’asta e laboratori di restauro nonché nel controllo delle aree d’interesse archeologico e paesaggistico, ambiti nei quali sono già stati conseguiti significativi risultati anche in termini di sequestro di beni illecitamente commercializzati o falsificati. Le verifiche hanno anche interessato siti archeologici terrestri e subacquei.

Nel contrasto al falso nummario, le azioni condotte anche di recente dal Comando Antifalsificazione Monetaria hanno portato al rinvenimento e sequestro di monete da 2 Euro e banconote false da 10, 20 e 50 Euro, per le quali si richiama l’attenzione dei cittadini e dei turisti.

Il Raggruppamento Aeromobili Carabinieri, oltre alla quotidiana attività di ricognizione, concorre nelle attività di spegnimento degli incendi ai danni del patrimonio boschivo nazionale, in cooperazione con i Carabinieri Forestali e i Vigili del Fuoco.

Sinora i nuclei interessati hanno eseguito 67 missioni, tra Lazio, Umbria, Abruzzo e Sicilia, per 107 ore di volo con 1.169 lanci di acqua.